MAI PIÙ UN SOGNO


Cadevo da un fiore
Poggiato sul cuore
Spillato nel petto
O credevo così…

Equilibrio precario
Di chi non può dire
Non vuole sentire
Ragione non ha…

Così che cadevo
Da un fiore rapito
E mentre volavo
Volevo così…

Se qui
restare non conviene
Perché
Un cammino ha le sue pene
Son già….
Favorite poi dal tempo
Dal tempo
Quello perso,
senza uscita, senza un verso..
Manifesti scoloriti, son colori
Son graffiti
Disegnati e sovrapposti
Come vite, che nascosto
Hanno tempo forse morto
Ti si incollano ora addosso
E staccare separare
Di lasciare poi non vuoi…

Son caduto
A volte in piedi
Come gatto in sette vite
Mentre quella cicatrice
Resta aperta, manchi te..

Io caduto dal tuo fiore
Come polline scaduto
Trascinato via dal vento
Da sconforto da sgomento..

Sono vita trasparente
Non ho carne
Sono assente,
Ciò che resta è quel ricordo
resta qui e non vorrei..

Se qui restare non conviene
Perché ho perso la ragione
Il torto
Fatto e mai subito
Dal tempo
Che ha voce e ho risentito..
Manifesti scoloriti, son colori
Son graffiti
Disegnati e sovrapposti
Come vite, che nascosto
Hanno tempo forse morto
Ti si incollano ora addosso
E le vuoi, non puoi staccare
E le vuoi
Perché staccare non puoi….

Son qualcuno che ritorna
Con fatica alla sua forma
Ritrovando quel mio fiore
Solo, l’unica ragione..

E lascio alla vita il suo tempo,
Il suo gran rimpianto,
Di lacrime spese per tempo,
E mai per diletto…

Così se qualcosa ritorna
Sarà solo il sogno
Di stare impigliato nel cuore
Ma mai più in un sogno…..

Annunci

2 pensieri su “MAI PIÙ UN SOGNO”

  1. Bellissime parole.” ……..Son qualcuno che ritorna
    Con fatica alla sua forma
    Ritrovando quel mio fiore
    Solo, l’unica ragione..”

I commenti sono chiusi.