IL SOSPETTO


Lo sguardo del sospetto
Occhi che hai addosso
Occhi che ti guardano
Ma non San vedere..

Solo l’apparenza
Solo quel colore
Vedi cosa indossa?
Ma l’ha lavato il cuore?
Sguardo del sospetto
Quello porta L’odio
Perché la superficie, è ghiaccio
È li che cadi…

Gente che mi guarda
Giudica l’aspetto
Sputa addosso prediche
Parla ma non vede
Niente, e niente è…

Son voci in lontananza
Le voci del sospetto
Son sordo e non le sento
Anche se poi le ho addosso
Fingo non importi, fingo di non sentire,
Ma poi, poi alla fine….
Lo sguardo è proprio il mio……

Annunci

8 pensieri su “IL SOSPETTO”

  1. Cappellino fastidioso
    Copri sguardo e altre cose
    Occhi che non vedo ma ciò che sento
    è proprio bello

    Il sospetto non ci tocca se son cornacchie a diffidare
    I like
    Abbraccio
    Mistral

  2. Eh…si, son proprio io….ho buttato una macchina fotografica x sta foto! 😄😄
    Va beh…ora perderò pure i pochi che mi seguono…..hahahahahahahah!!!

    😄 Che bel commento hai fatto! Grazie…io rido fuori…non dentro.

  3. O ma piacere Pier, sei proprio tu? Sai la sensibilità è un’arma a doppio taglio……è sicuramente una virtù rara e preziosa……ma fa stare anche parecchio male……bisogna imparare a fregarsene!!!!! O, almeno, a fare finta…..è questione di sopravvivenza 😉
    Buona giornata! 🙂

I commenti sono chiusi.