Ciò che hai paura di vedere..


A volte mi chiedo cosa sia il sospetto.
Me lo chiedo vedendo e osservando persone che hanno sempre paura di una parola gentile di un grazie di una stretta di mano. Non parliamo poi di un abbraccio!

Mi sono dato una risposta a tutto questo. Non pretendo sia la risposta giusta, per carità, ma è la mia.

Il male lo vedi chiaramente, il bene invece, fai fatica a riconoscerlo. Lo pensi travestito, hai il sospetto che dietro quel bene si celi, chissà…!!

Già chissà…
Il sospetto quindi prevale sulla ragione, a volte sugli affetti. Peccato!
Eppure era solo puro e semplice disinteressato interesse, travestito d’amore.

20130906-163928.jpg

Annunci

15 pensieri su “Ciò che hai paura di vedere..”

  1. Già cara Mary…
    Hai fatto un commento davvero esaustivo! Mi è piaciuto molto! Ti ringrazio di aver affacciato la tua sensibilità e cultura qui, ne sono lusingato!
    Un abbraccio!! A rileggersi presto! (O riascoltarci)
    😉 Pier

  2. Bello questo articolo,complimenti,fai riflettere, io credo che non ci fidiamo più semplicemente perché abbiamo smesso di parlare,di comunicare,abbiamo smesso di sorridere,abbiamo smesso di essere felici e sereni,e di conseguenza tutto ciò che é diverso perché parla,sorride,rende felici…lo temiamo dipingendolo con il colore del sospetto…
    Ps:Io ancora rido,parlo, sono felice… per mia natura mi fido sempre… anche se resto delusa,ma questo sarebbe un altro articolo.
    Mary

  3. Non siamo più capaci di fidarci forse quando siamo stati ridotti in fin di vita dalla fiducia negli altri. A quel punto forse prevale l’istinto di sopravvivenza che ci vuole sospettosi… Ma è solo una supposizione… Ciao Pier

  4. Sono pienamente d’accordo con te. Anche se io, forse sbaglio, ma sento quasi subito di chi posso o non devo fidarmi.
    A tutti voi che ho accettato veniate a far visita qui, vi ho accolti perché sento di potermi fidare di voi..

    Un abbraccio!
    Pier

  5. Qui la penso esattamente come .marta: “dare fiducia con sguardo attento” poi …. al tempo! 😉
    Potrebbe crearsi un bellissimo gruppo di amici, chissà, con il quale condividere molte cose oppure restare solo un semplice scambio di battute.
    Per il momento siamo qui, ed è già tanto, poi ….. 😆

  6. Non ci si può fidare di nessuno, anche chi frequenti da tanto tempo può cambiare all’improvviso e diventare una persona che non riesci più a riconoscere. Meglio vivere alla giornata prendendo il meglio dai rapporti umani senza crearsi troppe aspettative. Il sospetto è inevitabile.
    Ciao.

  7. A volte credo il contrario. Se hai avuto genitori poco “gentili” sei predisposto a voler dare per ricevere..(l’egoismo è parte di noi)

    Ma potrebbe esser vero il contrario. Io non ho ricevuto tanto affetto, anzi per nulla. Però spero e mi sforzo per darlo ad altri.
    A volte riesco. A volte “ho paura di vedere” per paura di soffrire..

    Sono contorto io!
    Pier

  8. In genere….cioè, non in genere…io sono fatta per natura così: do fiducia con sguardo attento poi il tutto…lo decide il tempo.
    C’è poco da fare: il tempo è un gran maestro.
    Per quanto riguarda poi baci abbracci etc….se necessito di tempo per la confidenza puoi immaginare prima di …semplicemente abbracciare!
    Secondo me più che una questione di paura è anche una questione di educazione ricevuta.
    Poche affettuosità da parte genitoriale…
    Non pensi?

    un sorriso
    .marta

  9. Qui, sinceramente non vedo grossi pericoli. Parlavo più che altro di ciò che avviene fuori.

    Anche se sempre occhi aperti!! Il sospetto è protezione.. 😄

    Ciao seratissima Silvia
    Pier

  10. Si è vero…..e forse i sospetti sono anche giustificati viste le tipologie che capita di incontrare qui dentro……però personalmente credo che essere prevenuti in partenza sia sbagliato, quindi ho deciso che (sempre andando cauti) inizialmente do fiducia fino a prova contraria…..nel senso fino a che qualche atteggiamento o comportamento mi faccia ricredere, in fondo si è sempre in tempo, soprattutto in questo mondo, a troncare una conoscenza…..basta un click, quindi perchè precludersi conoscenze interessanti a priori???? 🙂

I commenti sono chiusi.