EUROVISION 2014- L’Immagine di una vittoria.


Conchita Wurst
Conchita Wurst

Si è concluso ieri sera, con la Finale vinta dalla cantante drag queen austriaca Conchita Wurst, pseudonimo dell’artista 25enne Thomas Neuwirth, l’Eurovision di Copenhagen.
La canzone vincitrice (“Ribellarsi come la fenice”) Rise Like a Phoenix [potete qui vedere l’esibizione] ha ricevuto i consensi della giuria e soprattutto del televoto.

Al secondo posto il gruppo olandese The Common Linnets con la canzone “Calm After the Storm” (“Quiete dopo la tempesta”), mentre al terzo la svedese Sanna Nielsen con la canzone “Undo” (“Cancella”).
Al 21 posto la nostra EMMA MARRONE CON LA MIA CITTÀ VIDEO DELLA FINALE DI EMMA Una posizione a mio giudizio immeritata per la qualità della canzone e l’esibizione in se.

Onore ai vincitori! Senza dubbio CONCHITA ha una bellissima voce, ma, a mio personalissimo giudizio, la canzone non meritava certamente il 1 posto. Penso e dico senza paura, che il PERSONAGGIO in questo caso, ha saputo vincere su tutto, ripeto, senza togliere nulla all’artista.
Penso inoltre, che in questo caso, l’Eurovision, abbia soprattutto voluto dare un taglio prettamente ideologico, più che musicale. Sembrava quasi una rivincita dell’orgoglio gay, piuttosto che una valutazione logica e obbiettiva di un brano musicale.

Detto questo come Italiani, ringraziamo Emma per la sua esibizione, per averci regalato 3 minuti e 1/2 di vero divertimento.
Un dubbio però mi viene… Provocatorio, verso tutti coloro che in questi giorni, dalla messa in rete della prova generale, hanno solo saputo lanciare accuse taglienti su di un vestito, o sulle culotte che si vedevano (forse perché avrebbero preferito un perizoma). Ecco, a tutte queste persone chiedo: Perché accanirsi su di un vestito, senza considerare per nulla la parte e il giudizio musicale, per Emma, ma non dire assolutamente nulla, se non esternare giudizi musicali, per altro positivissimi, su di un Uomo, vestito da donna, con la barba? Se deve essere moralismo, moralismo sia!
Ma da noi, i bigotti, hanno sempre due facce! Quella che lavano, quella che indossano.
Buona Musica a tutti!

Annunci

6 pensieri su “EUROVISION 2014- L’Immagine di una vittoria.”

  1. Io l’ho sentito cantare! é straordinario, o A?! sono confusa.. ma di certo anche la barba ha fatto la sua parte.. tant’è che anche il titolo della canzone non è da meno.. Brava comunque anche Emma!

I commenti sono chiusi.