DUE BOCCHE SU DI UN SE


20140625-150130-54090272.jpg

Ecco di nuovo qui che ti prendo
Mentre lo scopo di un giorno scordato
Suona il rintocco
Sa già di un’ora
Strada interrotta, fatta di un fiato..
Mentre lo guardi, quello che vuoi,
Mentre ti chiedi, se è ciò che sei..
Tante domande, poche risposte,
Date e lasciate e poi mai, davvero davvero scordate..

Perché è..qui,
Qui si decide la vita,
Qui si decide se ne val la pena..
Perché ….qui,
Qui Non conta sperare/
Non è soltanto pelle a pelle nel buio,
Ma sono attimi di eterno nello spazio di un tramonto, fatto luce fatto giorno fatto a te..
Ma sono briciole di un mare in tempesta nel tuo letto,fatto notte quella sera,colpa tua

Eco la vita, nelle lacrime versa,
Voce lontano ripete da se,
Io lo sapevo, io lo volevo, io l’ho cercato trovando il suo se..
Ma è paura, di ricadere…quella paura di tornare a vedere
Indifferenza, uso e mai amore
Quella paura di stare a soffrire
Quella paura di cadere e poi farsi male..

Perché…qui.
Conta ora …chi sei
Per dare luce all’ombra che c’è
Per regalare una brezza d’estate
Quella paura di tornare ad amare
Te
Soltanto te
E solo e soltanto per un se
Ma sono attimi di eterno nello spazio di un tramonto, fatto luce fatto giorno fatto a te..
Ma sono briciole di un mare in tempesta nel tuo letto,fatto notte quella sera,colpa tua
E sono i brividi d’amore mai raccolti
Lasciati qui casaccio
Su di un letto troppo grande da vivere da soli
Solo
Se soli, io e te.

Annunci

6 pensieri su “DUE BOCCHE SU DI UN SE”

  1. No, non sempre dolce Mistral…non sempre. Ci si ferma alla superficialità, a ciò che pare ovvio, senza cercare il vero significato d’un grido disperato..
    Grazie per il tuo pensiero. Tu sempre profonda! 😘

  2. 😊 grazie. Era per me una cosa un po diversa. Ho visto infatti non è piaciuto molto. Ma era quello che sentivo. E l’ho scritto. Un abbraccio a te! 😉

I commenti sono chiusi.