L’alba e le tue parole


Alle nuvole dirò, non siete cielo

Se la luce di quel blu non splende più

Hai nascosto con l’inganno quel che ero

Mentre ciò che sono resta qui con me

È l’immagine scolpita d’una donna

Che si veste solo della verità 

Mentre il mondo intorno infame le ricuce

Stracci addosso per sfilare, abbellire ciò ch’è infame

Mai la resa sentirai da questa voce

Nessun dubbio, mai neppure un cedimento 

Ora guarda e ammira la corazza

Che ricopre e veste questa pelle…

È quell’anima che suona e resta pura

Mentre lascio

Lascio a voi,…. l’uso e la ragione

A voi,…. l’invidia ed il sospetto 

Io resto…volo… e mi diverto

Per l’anima, che vola in questo petto.
Pi.Er

Annunci

6 pensieri su “L’alba e le tue parole”

  1. Hai illuminato l’alba con i versi, e hai riempito di musica le parole.
    Hai confezionato un regalo. 🙂
    un abbraccio caro Pier
    Affy

I commenti sono chiusi.