Il gioco delle parti


La

su quel ripiano modile

appoggio questo inizio

che spero eterno sia

E radico quel gesto

le dita, il tuo racconto

Le coniugo al presente, perché restino qua

È l’alba e tu sei qui

il gioco è delle parti

se resti ad occhi spenti

dimentichi chi vedi

ed ami quel che sono

il gioco è delle parti

colori cicatrici, che all’ombra dei tuoi baci

non sento neanche più

lacrima il mio petto

e bagna ora il tuo viso

nasce quel sorriso

Che al sole da di più

E noi, camminiamo a piedi scalzi

Incuranti di quei cocci lì per strada

siamo liberi

e il male non spaventa

siamo zingari

Col cuore come casa

è

il gioco delle parti

Se ami, non vai, resti

Se ami non prestiti

Se ami, non è se…

Annunci