Archivi tag: Amore

La finestra

image

..
Era aperto
Da sempre ed è uno sbaglio
Lo sapevo, fingevo e non coprivo,
Alle risa ho ceduto ed è il mio pianto
Ma di fingere davvero non riuscivo
Ed è lì
Da sempre in bella vista
Con le gole del dolore, le valli che han scavato
Immagini di volti
Parole che ho scordato
Lividi di baci, sbattuti in faccia all’odio
Malato d’un amore
Che non guarisce più..
#cuoremio
#love #cuoremalato #Trasparente #pier #chiken #piEr

Annunci

CALIBRO

image

Calibra

su quel piano già inclinato

tra presente ed il passato

calibra

quelle ali aperte al cielo

con la voglia di provare

Di mangiare terra e sale

per capire cos’è il male

calibra

le radici del dolore

e graffiare quel rancore

per vedere, per sapere

che colore ha il tuo odio e capire poi quel gioco..

e calibro

anche il vecchio dei tuoi anni

mentre trucchi e li nascondi

il tuo male disegnato, al tuo viso che ha segnato

e le valli del tuo volto, sono fiumi di rimorso

e lo calibro

e ci navigo

con le vele chiuse al vento

trasportato dal tormento

da quel fuoco che ha radici, ed all’anima da vita

e misura le risposte, foglie secche che al tuo vento

spargi ovunque come fosse

mai coperte al cielo aperte…

e io calibro.

Il gioco delle parti

La

su quel ripiano modile

appoggio questo inizio

che spero eterno sia

E radico quel gesto

le dita, il tuo racconto

Le coniugo al presente, perché restino qua

È l’alba e tu sei qui

il gioco è delle parti

se resti ad occhi spenti

dimentichi chi vedi

ed ami quel che sono

il gioco è delle parti

colori cicatrici, che all’ombra dei tuoi baci

non sento neanche più

lacrima il mio petto

e bagna ora il tuo viso

nasce quel sorriso

Che al sole da di più

E noi, camminiamo a piedi scalzi

Incuranti di quei cocci lì per strada

siamo liberi

e il male non spaventa

siamo zingari

Col cuore come casa

è

il gioco delle parti

Se ami, non vai, resti

Se ami non prestiti

Se ami, non è se…

Un giorno, nel vento

Un giorno

Nel vento

Radici recise,

Strappate dal tempo

Che passa e va via

Nell’aria un’po’ spenta

Di pelle al mattino

Che lava il rimpianto

D’una notte che fu..

Fu un giorno, nel vento

Aprendo le ali

Che davo ai pensieri ,altezza e  quel peso

Che libera il blu

Gustando orizzonti, vedendo contorni

Che stando sdraiato

Confuso al mio male

Mi era sfuggito

Di considerare

Un giorno nel vento

Parole di ghiaccio

E pioggia leggera, cadeva dal cuore

No, non per tremare, né tingere il cuore,

Ma per liberare, con ali spiegate,

Catene alla mente,

che al suolo più arido

avevo ancorato…

Un giorno nel vento

Ed ecco ch’è chiaro

Quel cielo annerito si è rischiarato

Ed la radice di ogni ritorno

Il vento lo sa

Ed ecco quel giorno..

-TU-

  

TU 
È una favola la vita 

Nei frammenti, In  quei momenti 

Assemblati un po’ nel tempo 

Mentre ai pezzi cerchi un posto 

Di quel puzzle complicato 

Che nel fango dei perdenti 

S’è Intrecciato e mescolato 

Con dolore, da paure, dal rancore 

Di chi dice, parla Sempre  

Punta il dito, poi sparisce 

Ma 

Tu…tu sei, tu…tu sei, tu..tu sei 

Un cuore che hai cucito 

Curato e fatto vivo 

Con l’arte d’un sorriso 

Il sole sul tuo viso 

E sei 

Tu…tu sei…tu…tu..tu.. sei.. 
E ti volti un solo istante 

La parentesi è già chiusa 

Quel successo non ti cambia 

Mette solo un po’ paura 

Il coraggio delle scelte 

Le rinunce, le scommesse 

Quel lavoro che al mattino 

Chiede scusa al tuo cuscino 

Col Pampero fai a pugni 

Nelle notti fatte giorno 

E ti leghi alle persone 

Che persona san vedere 

Dentro l’anima il riflesso 

Di chi è per ciò che crede 

E sei tu..resti ferma 

Perché sei 

Sei la conferma 

mai lo specchio Che deforma ciò che è 

Non solo forma, ma sei te 
Tu…sei tu…tu..sei tu…tu sei tu 

Una donna i suoi trent’anni 

La famiglia dentro il petto 

Un’amore condiviso 

Quello vero mai diviso 

E sei 

Tu…sei tu…tu..tu..tu…sei 
Ed è vero il tempo passa 

Ma se siamo poi restiamo 

Gocce eterne dun’essenza 

Che alla vita dà profumo 

È la musica quel sangue 

Che ti suona nelle vene 

Mentre guardi al tuo orizzonte 

Al passato dai da bere.. 

È una favola la vita 

Nei frammenti fatti giorni 

Che disegnano i tuoi anni 

Come un quadro di Gauguin 

E sei tu.. 

E tu…resti..tu! 
Pier